Daniele Pecci Malattia

Spargi l'amore
Daniele Pecci Malattia
Daniele Pecci Malattia

Daniele Pecci Malattia – L’attore Daniele Pecci è nato il 23 maggio 1970 a Roma, Italia. Ha padroneggiato la materia nel 1988. Ha iniziato la sua carriera teatrale nel 1990 e ha continuato a seguirla con quasi costanza, occasionalmente anche come regista, fino all’inizio degli anni 2000, quando suo le opere drammatiche Il bello delle donne e, in particolare, Orgoglio gli hanno portato una grande fama.

Nel suo curriculum televisivo figurano San Pietro e Giovanni Paolo II del 2005, in cui ha fatto parte del cast multinazionale, e Eravamo solo mille, del 2007, fiction in onda su Rai Uno.Nel 2008 è apparso negli spettacoli teatrali L’ultimo Padrino e Delitti bianchi per Canale 5, mentre nel 2009 ha esordito al cinema nel film Fortapàsc di Marco Risi. Nel 2010 è apparso in Ferzan Özpetek e nel 2011 è tornato su Canale 5 per un’altra fiction.Accompagnato da Pilar Fogliati e Matteo Martari, interpreta Cesare Corvara nel film Cuori del 2021.

Complotto

Nora, messinese, è estremamente appassionata, mentre Ugo, torinese, è accademico. I due sono opposti polari nella personalità. Dopo molti tentativi falliti di convivenza coniugale, Ugo finalmente si arrende e divorzia dopo aver tradito la moglie con un americano. I coniugi dovranno stare insieme per altri undici mesi come parte della lunga procedura di divorzio.

Mentre tutto va avanti, la ricca zia Clo riceve una diagnosi di malattia a lungo termine e affida a Ugo e Nora la gestione del suo atelier di abiti da sposa. Quest’ultima fa l’astuta osservazione che l’atelier non è nel luogo ideale; è uno specialista di marketing. Nel suo tentativo di riportare in vita l’attività, Nora considera un’ampia gamma di opzioni prima di decidere di trasformare l’atelier in un’azienda di pianificazione di matrimoni.

L’agenzia si chiamerà “Felici come noi” e il progetto si conclude con successo nonostante le ire di Ugo nei confronti della moglie e altri primi intoppi. Un padre di famiglia di nome Marcello, sulla cinquantina, viene improvvisamente licenziato dal suo incarico di dirigente in una società molto grande. Mentre la figlia frequenta una prestigiosa università, Marcello sceglie di tacere per due anni, utilizzando i suoi fondi per coprire le spese.

Tuttavia, quando i soldi iniziano a scarseggiare, l’ex manager si ritrova in perdita. Mentre parte per la Toscana per far visita alla sua ex moglie, il destino interviene e si ritrova a viaggiare al fianco di Andrea, il ragazzo responsabile del suo licenziamento, che sta percorrendo la stessa strada a bordo di una bellissima Ferrari California nuova. Un’affascinante produttrice musicale, Alessia si è trasferita a Milano dal quartiere Madonna di Campagna di Torino quando aveva 32 anni.

Una casa discografica assunse la giovane donna dopo aver completato un rigoroso apprendistato; ora sta assistendo al lancio del nuovo album di Emma Marrone. Per tutta la vita ha costruito un falso castello, vantandosi di essere la figlia adottiva di Davide Borghini, importante uomo d’affari torinese che in realtà era il datore di lavoro di suo padre. Il giovane avvocato Tancredi Della Seta, figlio del titolare della “Records”, propone ad Alessia in pompa magna e pretende di incontrare il padre di Alessia, facendo tremare il castello delle bugie.

Figlio di un avvocato di successo a Trento, Daniele convince la madre Marion a sradicare la sua vita e stabilirsi ad Arco dopo la morte del marito. Mentre cerca casa, Marion viene gentilmente ospitata dal figlio e dalla futura nuora, Graziella. A causa della crescente insofferenza verso la convivenza delle due donne, Daniele si sente obbligato a trovare rapidamente una villa.

Conosce Francesco, un giovane operaio edile di Arco; Francesco ha una proprietà lungo un lago, dove ha cominciato a costruire una villa, e si offre di affidargli la gestione della faccenda. Proprio mentre stava organizzando il trasferimento della madre, sei mesi dopo la villa rimase incompleta.

Biografia personale

Nacque in Friuli e visse per un periodo a Serra Sant’Abbondio, nelle Marche. Diplomato nel 1982 all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica di Roma, ha studiato recitazione. Le sue attività post-laurea includevano la collaborazione con Irene Worth al Festival di Edimburgo e la presa di lezioni a Berlino, Londra e New York .

Il programma televisivo censurato “Lezioni d’amore” condotto da Giuliano Ferrara presentava la sua recitazione in un documentario all’inizio degli anni ’90. Michele Sacerdoti in Sospetti e un personaggio omosessuale chiamato “Romeo” in Commesse e Commesse 2 sono i prossimi nella sua lista di ruoli.

Insieme a Luca Zingaretti, interpreta un eroe ebreo in Perlasca – Un eroe italiano, ed è il personaggio principale di Sarò il tuo giudice.I ruoli di recitazione includono il dottor “Denny Hope” nel film La Cittadella del 2003 di Massimo Ghini e il cattivo Hermann Ludovici in Orgoglio, con Elena Sofia Ricci e Daniele Pecci.

Ha recitato in numerosi spettacoli, tra cui Wuthering Heights.Blood and the Rose, un’opera di minifiction, lo presentava come un colonnello della polizia.Nel 2008 è stato uno degli attori della fiction pucciniana. È apparso nella miniserie di Maurizio Zaccaro del 2009 L’amnesia di Collegno sulla televisione italianaione.

Insieme ad Eleonora Giorgi e Giorgia Trasselli è protagonista di Fiore di cactus nella stagione teatrale 2009-2010.Il film televisivo di Giulio Base del 2011 La donna della Domenica lo includeva in un ruolo secondario. Nei sei episodi del commissario Nardone, altra serie poliziesca con protagonista Sergio Assisi, è stato poi diretto da Fabrizio Costa.

Durante la stagione teatrale 2014-2015, è stato visto co-protagonista con Giorgio Albertazzi in Il Mercante di Venezia. Dal 2015 al 2016 è stato co-protagonista insieme a Stefania Rocca in “Scandalo” di Arthur Schnitzler, diretto da Franco Però.

Daniele Pecci Malattia

Nonostante la fama ritrovata grazie alla terza stagione della serie di Rai1 “Imma Tataranni – Sostituto Pubblico Ministero”, la vita personale di Vanessa Scalera resta un mistero. Tuttavia il nome del suo amante, Filippo Gili, è di pubblico dominio. La coppia sta insieme da oltre un decennio e ha un rapporto solido nonostante non sia sposata né abbia figli.

Quando a Domenica In è stato chiesto se dovevano sposarsi, è stata proprio Vanessa Scalera a chiederlo. “No, è impossibile.” Filippo Gili è un attore e regista teatrale, che piace a Vanessa Scalera, e lavorano entrambi nel mondo dello spettacolo. “Buongiorno mamma”, successo di Canale 5, è una delle fiction più amate che Filippo Gili abbia interpretato negli ultimi tempi.

Ha recitato per Luca Ronconi in teatro, anche se il suo ruolo primario è come regista dinamico. Tra le opere teatrali da lui curate ricordiamo: Fantasmi di Ibsen, Oreste , Amleto , Aspettando Godot di Beckett, Il gabbiano e le tre sorelle di Cechov, Antigone e Il gabbiano .

Prima di andare via e L’ultimo raggio di luce sono due dei suoi lungometraggi, e ha anche prodotto sceneggiature per opere teatrali e diretto cortometraggi, tra cui In a Breath, Macbeth e A Doll’s House, un film per la televisione. Un altro dei suoi ruoli di successo è stato quello di Filippo della Rosa, nonno materno di Anna, nella fiction di Canale 5 “Buongiorno mamma” con Raoul Bova.

Con il successo di “Imma Tataranni”, l’attrice è ora oggetto di voci e speculazioni. Ma la cosa le dà ancora molto fastidio, come ha raccontato a Fanpage.it. Essendo abbastanza riservata riguardo alla sua vita personale, ha ammesso che non le piace stare sotto i riflettori: “La vivo male ma mi hanno detto che devo abituarmi”.

È mia sincera convinzione che tutto sarà dimenticato dopo il finale di stagione. Mi ha irritato perché la mia vita è molto ordinaria. Andare al negozio segue la mia sessione di studio. Non sono in alcun modo una star. Così sia. Dovrò solo adattarmi. Poiché la carriera di ognuno, e il talento di Vanessa Scalera in particolare, merita un’attenzione costante, Filippo Gili ha dichiarato in un’intervista di non voler parlare della loro storia d’amore.

Filippo Gili sembra utilizzare relativamente poco il suo account Instagram, nonostante ne abbia uno.Ogni stagione presenta un nuovo protagonista e dodici episodi . Le prime due stagioni coprono l’arco temporale di un anno lavorativo , mentre la terza e la quarta stagione coprono l’arco temporale dell’anno solare .

Noi, le donne noi, una canzone di Ornella Vanoni con Nancy Brilli, funge da sigla finale per la terza stagione.

“La bellezza delle donne… qualche anno dopo”, lo spin-off del 2017, è stato trasmesso in televisione nel 2017. Armandos, un barbiere per uomini che il marito di Anna aveva programmato di avviare con suo cugino Cirino, è stato l’ispirazione originale per Il bello delle donne. Dopo che Cirino ha venduto a Vicky il 40% delle azioni del salone, la proprietaria Anna possiede ora il 60% del salone.

Agnese sostituirà Vicky, responsabile delle pubbliche relazioni, responsabile dell’arredamento; Francesca Cialdi è la commercialista e Luca è il capo parrucchiere. Quando Elfride decide di lasciare la città, lascerà il suo posto alle spalle, ma anche Duska, che fa la manicure, fa parte dello staff. Ci sono tre shampista nel saloon: Tina, Mavi e Celeste.

Alla fine della prima stagione, Tina lascia la città. Un tempo il salone rivale gestito dall’ex compagno di Luca, Andrea Renzi, e successivamente dalla moglieChiude Annalisa Bottelli, Il bello delle donne assumerà Bice Monaglia come cassiera. Prima che Anna parta per gli Stati Uniti nella terza stagione, Luca rileva la sua quota e rileva il salone. Porta Laura Del Bono a lavorare come capo stilista.

Daniele Pecci Malattia
Daniele Pecci Malattia

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Rilevato blocco pubblicità!!!

Abbiamo rilevato che stai utilizzando estensioni per bloccare gli annunci. Sostienici disabilitando il blocco degli annunci.

error: Il contenuto è protetto !!