Marina Suma Malattia

Spargi l'amore
Marina Suma Malattia
Marina Suma Malattia

Marina Suma Malattia – Marina Suma, un’attrice italiana affermata, ha trascorso i suoi anni formativi nella città di Napoli. Suma ha iniziato la sua carriera come modella di bellezza in Le occasioni di Rosa di Salvatore Piscicelli, nonostante fosse nata a Napoli.

È stata nominata la giovane attrice più promettente e le è stato assegnato lo stimato premio David di Donatello per il suo lavoro in questo film. Successivamente, ci sono state una serie di altre commedie acclamate dalla critica, come in Sapore di mare di Carlo Vanzina. La sua carriera come conduttrice televisiva professionista è iniziata negli anni ’90.

Complotto

Porto Venere. Cari amici, sono entrambi. “Raffaele” così lo chiama Walter, mentre Raffaele chiama Walter “UÏlter” quando parla inglese. Walter è un sottufficiale freddo, combattivo e disonesto della marina romana, in contrasto con l’idealista e facilmente influenzabile Raffaele della marina mercantile italiana.

A loro insaputa, sono entrambi innamorati di Sonia, una promettente attrice e impiegata della Sip. Sonia viene inizialmente inseguita da Raffaele, poi incontra Walter e se ne innamora perdutamente per la sua intelligenza.

Raffaele è ingenuamente convinto che la ragazza lo ami profondamente e abbia ormai sviluppato un affetto per il suo presunto compagno; Sonia e Walter aspettano che raggiunga la propria comprensione prima di tentare di illuminarlo. Mentre fugge dalla vista del loro bacio appassionato sulla banchina del porto, il cuore di Raffaele si spezza, facendolo precipitare nell’oceano.

All’indomani della sua idea suicida, Walter cerca di convincerlo che sta scherzando e che non gliene frega niente di Sonia. Lo raggiunge con l’aiuto di un’ambulanza. Sonia, invece, fugge immediatamente da Walter e dai due dopo aver sentito le sue osservazioni.

Sonia cerca conforto nell’abbraccio di Raffaele mentre Walter parte per un viaggio d’affari, ma è infelice perché non riesce a liberarsi di Walter e ammette il suo amore per lui, anche se Raffaele ha avuto rapporti sessuali con lei.

Dopo che Raffaele si rende conto di quanto Sonia significhi per lei, scrive un telegramma a Walter in cui gli dice che Sonia lo ama e lo invita a cercare la felicità con lei. Sonia aveva precedentemente detto di essersi dimenticata di lui nelle sue risposte alle lettere di Walter, quindi questo è un cambiamento.

Il giorno successivo, Sonia ha iniziato a prendere le distanze emotivamente da Walter e ha provato una genuina compassione per lui, forse come conseguenza di tutte le attenzioni che Raffaele aveva prestato a Sonia negli ultimi sei mesi. Mentre si organizzano per raggiungere Roma, Raffaele alla fine invia il telegrafo corretto, ma Walter è già a Porto Venere, riparato sotto casa.

Sonia prega Raffaele di comportarsi come se fosse malata e da qualche altra parte poiché non vuole vederlo. Mentre Walter è in viaggio, Raffaele lo informa che Sonia si trova a Macerata in una struttura specializzata in cura per una malattia rara e molto dolorosa.

Quando Sonia esce dal nascondiglio per abbracciare Walter, rimane sorpresa dalla sua affermazione secondo cui non gli importa della sua taglia ridotta a causa del cancro. Raffaele viene poi ringraziato da Walter poiché, nella mente di Walter, ha orchestrato il tutto per rafforzare l’amore tra Walter e Sonia.

L’intenzione di Walter e Sonia di andare a Roma insieme sembra avere la benedizione di Raffaele. Ma nel profondo, spera che ci ripensino. Li segue addirittura fino all’albergo in cui devono alloggiare una volta scesi dal treno e inventa storie secondo cui la linea per Roma è sotto attacco solo per creare problemi.

Walter decide di sfondare il bidone della spazzatura nel lago dopo essersi infuriato dopo aver visto Raffaele chiudersi in un cassonetto su un sentiero in riva al mare il giorno prima. Una nota positiva è che Raffaele si scontra con Walter sulla spiaggia quando scappa dalla spazzatura. Walter non manca mai di deludere Sonia, che lo osserva dalla finestra dell’albergo.

Marina Suma Malattia

Quando Sonia ha ottenuto il ruolo da protagonista in “Turbanmento”, i suoi sogni di attrice si sono realizzati. Nel tentativo di porre fine alla sua vita, salta da una scogliera nell’acqua. Tuttavia, riesce miracolosamente a scappare e ha appena il tempo di spiegare che la sua motivazione era puro amore.Walter chiede a Raffaele aggiornamenti e Raffaele si vanta di come ha sposato Sonia; si incontrano a teatro presentando “Turbamento” molto tempo dopo che si sono separati; Raffaele e Walter sono entrambi single e infatuati di Sonia.

Nel passato

I suoi genitori sono nati in Sicilia e Napoli, e ha trascorso la sua infanzia nella regione del Vomero. Dopo essersi dilettata nel settore della moda, ha debuttato sul grande schermo nel film Le occasioni di Rosa del 1981, diretto da Salvatore Piscicelli. In riconoscimento della sua interpretazione le sono stati conferiti il Nastro d’argento e il David di Donatello, entrambi come miglior attore esordiente.

L’enorme successo di Sapore di mare di Carlo Vanzina aprì la strada ad altre commedie con Johnny Dorelli e Adriano Celentano, come Dio li ama e Coppie. Un ragazzo e una ragazza, diretto da Jerry Calà, e Cuori nella tempesta, con Carlo Verdone e Lello Arena, hanno catapultato Marina Suma alla celebrità italiana. Quasi subito dopo questi due film, Suma torna a interpretare parti serie, come nel musical Metropolitan Blues diretto da Piscicelli. Ha debuttato nel thriller del 1987, Le caramelle dello sconosciuto e Una donna da scoprire .

Malesh, Sicilian Connection di Tonino Valerii, Cambiamento d’aria di Giuseppe Gargiulo, l’opera prima di Angelo Cannavacciuolo, Works by Stelio Fiorenza e Nino , tra cui Russo e Dark Bar, Infelici e contenti di Neri Parenti, che con Renato Pozzetto ed Ezio Greggio, Fiori di zucchine di Stefano Pomilla, The skitour di CM Faudan e Un uomo da perdere di Walter Toschi.

Il suo ritorno sulle passerelle romane avviene nel 1994, quando sfila per Chiara Boni. Yerma, un’opera teatrale di Federico García Lorca, è stata diretta da Arnolfo Petri. Nel 2003, è stata premiata come “migliore attrice protagonista” e ha vinto il premio Nike for the Theatre. Ritorna con successo al cinema d’autore nel 2003 con Pater familias di Francesco Patierno.

È apparsa in Ritorno al presente, il reality show di Carlo Conti su Rai 1, nel 2005. Donne Assassine, una serie di fantasia in cui ha recitato per Fox Crime nel 2007, è stata ambientata nel 2007. Nel 2008, è apparsa nel programma di Carlo Conti. Trasmissione di Rai 1 I Migliori Anni. Si è esibita in quaranta città in tutta Italia nel 2009 come protagonista nella produzione di Stefano Artissunch di Pene d’amore perdute di William Shakespeare.

Salvatore Arimatea ha recitato insieme a due attori Down nel cortometraggio Stella di mare prodotto dall’associazione Siddharte del 2012, basato su un racconto di Gabriella Sorti. Gli eventi del film sono ambientati alle Isole Eolie. Per la sua interpretazione del personaggio, è stata premiata al Mare Festival 2012.

La sua ultima apparizione sul palco è stata nel 2012 in Nina Scarabattola, un dramma storico di Luca Nasuto ambientato l’8 settembre 1943 e che la vedeva protagonista. Lavorare insieme è facile al SalinaDocFest. Io è morti, diretto dal romano Alberto de Venezia e presentato nella sezione “Orizzonti” della Mostra del Cinema di Venezia 2013, ha segnato il suo debutto come attrice.

Ha fatto un ritorno spettacolare sul grande schermo nel 2015 con Ballando il silenzio, diretto da Salvatore Arimatea. A questo studio hanno collaborato l’Associazione Italiana Persone con Sindrome di Down e il Centro Studi Diodoro. Sandra Milo, Fioretta Mari e Mario Opinato sono tra gli altri protagonisti del film a tema tango.

La rappresentazione teatrale del 2015 di In Nomine Maris e il cortometraggio che l’accompagna sono stati realizzati dal regista e scrittore palermitano Vito Benicio Zingales; eri anche un attore nella produzione di settembre. Il cortometraggio è stato girato da Giuseppe Celesia.

L’annuncio precisa che nel 2024 gareggerà sull’Isola dei Famosi.

È fondamentale per questa osservazione il fatto che non ti ho mai inviato tutte quelle lettere. Sei davvero stupendo, comunque. Luca, sei tu. Esordisce un nervoso Riccardo Cocciante: “Quel lampo negli occhi, ciao/ Va bene, fa male, ciao, ma tu/ Non muori più dentro di me/ Azzurra nostalgia celeste”. In mezzo al caos, Marina sorride mentre si scambiano sguardi e poi, all’improvviso, c’è un boom! Mi scusi! Dopo tutti questi anni, l’ultima sequenza di Jerry Calà è ancora considerata un classico.

Qualcuno addirittura mi ha chiesto o mi ha mandato quel ventaglio come gesto di buona volontà. Qui vediamo il concetto centrale dell’immagine. Jerry e io ci siamo guardati in un modo che rappresenta la bellezza di un mondo che invecchia, la gioia dei giorni che svaniscono in un’estate e la perdita dell’amore.

Alle mie avventure estive, all’acqua e ai clienti abituali che ogni anno venivano a suonare la chitarra sulla sabbia.” Durante la nostra infanzia, quando eravamo fantasiosi, ci baciavamo spesso e vivevamo di poco in meno, l’idea di fare una nuotata a mezzanotte del 15 agosto sembrava un’avventura emozionante. I nostri sé più giovani ci considererebbero pazzi.

Nella loro precedente incarnazione, i tre sono diventati famosi grazie alla trasmissione televisiva Rai di Enzo Trapani Non stop. Con i Giancattivi hanno condiviso il palco altri giovani comici che avrebbero brillato in film, produzioni teatrali e serie televisive. I Gatti di Vicolo Miracoli , Zuzzurro e Gaspare, La Smorfia , Carlo Verdone e innumerevoli altri erano tra questi gruppi.

Marina Suma Malattia
Marina Suma Malattia

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Rilevato blocco pubblicità!!!

Abbiamo rilevato che stai utilizzando estensioni per bloccare gli annunci. Sostienici disabilitando il blocco degli annunci.

error: Il contenuto è protetto !!