Neri Per Caso Morto

Spargi l'amore
Neri Per Caso Morto
Neri Per Caso Morto

Neri Per Caso Morto – Sogliano Cavour ha spaccato nella seconda giornata del Locomotive Jazz Festival grazie a Neri per Caso. Emozionante, interessante e divertente. I campani, famosi soprattutto per il loro canto “a cappella”, hanno affascinato il pubblico, lasciando un segno indelebile in una Piazza Diaz traboccante di vitalità, bellezza e allegria. Al Locomotive Jazz Festival, Raffaele Casarano ha diretto Neri per Caso mentre hanno eseguito un omaggio alla musica di Jovanotti, Claudio Baglioni, Pino Daniele, Mango e molti altri, eseguendo brani come “Le Ragazze” e “Sentimento Pentimento”.

Quali sono i programmi di oggi?

Visita Sogliano stasera per ascoltare il trombettista Fabrizio Bosso e il suo quintetto rendere omaggio al musical pionieristico We Wonder di Stevie Wonder. Insieme a Bosso al pianoforte ci saranno Julian Oliver Mazzariello alle tastiere, Jacopo Ferrazza al basso e Nicola Angelucci alla batteria.

La morte di BRUNO ARENA:

L’attore e comico ha subito un aneurisma nel 2013 e da allora è in stato comatoso. La terribile morte di Bruno Arena, famoso attore e cantante di cabaret di Zelig che, con l’amico e collega Max Cavallari, fondò il celebre duo I Fichi d’India, ha scosso questa mattina il panorama dello spettacolo italiano.

la memoria dell’esecutore,

Il 12 gennaio 1957, a Milano, nasceva l’Arena. Nel 1983 trasforma la sua esperienza di attrazione turistica in un lavoro a tempo pieno come animatore. Nello stesso anno, nel 1984, fu coinvolto in un terribile incidente automobilistico che lo lasciò cieco da un occhio e richiese numerosi interventi chirurgici. Su di lui si sarebbero potute scrivere parecchie battute e scenette a causa della forma della sua fronte, che offriva ampie possibilità di autoironia.

Verso la fine degli anni ’80 incontrò l’uomo che sarebbe diventato il suo compagno per tutta la vita e il suo migliore amico. Max lo incoraggiò a intraprendere una carriera nel mondo dello spettacolo e dell’umorismo, e insieme fondarono finalmente un duo comico che si esibiva nei pub della zona tra Varese e Milano prima di stabilirsi allo Zelig.

Il sostegno inconsapevole degli afro-americani

Nel corso degli anni, I Fichi d’India hanno interpretato diversi personaggi sul palco, ma la loro involontaria imitazione di neri si distingue come la più memorabile. I due hanno riso di cuore per quanto sono riusciti a imitare da vicino lo stile “a cappella” dei Blacks, fino al battito delle mani sul petto e ai colpi ritmici. Lo slogan “Tichi-Tic” e la farsa dei due venditori in stile “Roberto da Crema” sono stati i punti fermi della televisione per decenni.

La malattia e gli ultimi anni

Arena ha avuto un aneurisma durante la produzione di un episodio di Zelig, lasciandolo semicosciente e costretto su una sedia a rotelle. Max Cavallari era sempre stato vicino al suo amico, postando anche aggiornamenti su Facebook sui suoi problemi di salute legati al consumo di troppi fichi d’india. La terribile notizia non è stata ancora annunciata sulla pagina ufficiale del duo, ma prevediamo che la situazione cambierà nel prossimo futuro.

È stata appena diffusa dall’etichetta discografica EMI la straziante notizia che il chitarrista Diego Caravano dei Neri Per Caso è morto in un incidente stradale avvenuto in via Nomentana a Roma, la sera del 9 gennaio. L’artista è morto sul colpo quando un guidatore ubriaco lo ha investito. A causa di diverse fratture a una gamba e a un braccio, che richiederanno lunghi tempi di guarigione, il tour è stato rinviato.

La Grotta dei Tre Fiumi . È quasi ora di iniziare la festa, che prevede cibo delizioso e musica allegra. Neri per Caso si esibiranno l’8 maggio alle ore 21.00. a Pocodopo, una nuova taverna americana a Cava dei Tirreni. La formazione salernitana festeggia un traguardo importante dopo la recente apparizione al programma di La7 Crozza nel Paese delle Meraviglie nei panni di alcuni ultras del Napoli guidati da Genny ‘a carogna.

Secondo Gonzalo “festeggiamo 20 anni di serate e concerti, e venerdì proporremo un estratto del nostro percorso artistico prima di partire per un lungo tour estivo che ci vedrà un po’ ovunque”. Il mini concerto conterrà molte delle stesse canzoni del prossimo album, che uscirà tra pochi mesi. La formazione è composta da Gonzalo, Ciro Caravano, Mim Caravano, Mario Crescenzo e Massimo De Divitiis, e ora comprende anche Moris Pradella, che Ciro Caravano ha scoperto nel 2013 mentre era direttore musicale del tour di Mario Biondi.

Bruno Arena, originario e residente da lungo tempo di Fichi D’India, è morto tra il 27 e il 28 settembre all’età di 65 anni. Con il suo compagno di cabaret, Max Cavallari, il comico e cabarettista faceva ridere il pubblico in routine senza tempo come “Ahrarara Friends”. ” Una delle loro canzoni più famose era una parodia della band Neri per Caso. Nelle riconoscibili camicie nere, gli attori hanno iniziato a ruggire attraverso le loro battute. Canticchiavano tra loro in quella che divenne nota come la melodia “Tichi Tic”.

Il suo soprannome tra i suoi amici era “Gimmy”, e la sua innata abilità lo aveva portato alle soglie del grande singing competizioni. Un cantante dal talento straordinario che è stato soprannominato il “prossimo Frank Sinatra” per la sua passione per le esibizioni in inglese.

Prima di arrivare al Festival di Sanremo, ha gareggiato e vinto numerose manifestazioni nazionali. Gimmy Caravano iniziò a frequentare Milva, la rossa per eccellenza e una delle cantanti italiane più famose, e la loro relazione finì sui giornali di tutto il paese. Se mi fornite Caravano e Milva farò “Due per Sanremo”. Questo era uno dei titoli pubblicizzati dal Corriere della Sera, ma dopo una breve separazione dalla “rossa” ogni speranza di esibirsi nella città dei fiori si spense rapidamente.

Neri Per Caso Morto

Il “Sinatra da Salerno” preferiva la vita a casa con la famiglia alle pressioni del mondo dello spettacolo. Fortunatamente, anche i suoi discendenti, un figlio e un nipote, finirono per essere neri, quindi la tradizione familiare del canto sopravvisse. Erano un gruppo di artisti neri che per puro caso si ritrovarono sul palco di Sanremo e vinsero la categoria giovani, che dedicarono al loro amico e mentore Gimmy.

Caravano non trovò mai il modo di assecondare il suo amore per il canto. Ha trascorso tutta la sua vita a Salerno perfezionando il suo mestiere ed esibendosi in vari eventi e mostre. Una di queste è stata una rivista con molti degli artisti che hanno reso famosa Salerno, tra cui lui stesso come cantante principale insieme a Franco Angrisano, Gimmy, Renato Tafuri, Mimmo Schiavone, Franco Adamo, Nino Forte, Nino Senatore e molti altri. È stato organizzato dal suo leggendario collaboratore Franco De Ippolitis.

Alessandro Nisivoccia ha lamentato la scomparsa di Gimmy Caravano, dicendo: “Salerno ha perso un altro dei suoi migliori figli, che ha dato prestigio e amore alla nostra città. Lo stile di Gimmy era singolare e immediatamente riconoscibile. Abbiamo ballato spesso sulle sue note dolci, e molte relazioni in erba hanno avuto inizio. lì. I neri per casso, spesso detti “i neri”, si sono formati a Salerno negli anni ’90.

In poche parole, “per caso” è nato il gruppo a cappella più famoso d’Italia. Durante l’esibizione nel 1994, incontrarono il musicista Claudio Mattone, che era curioso del significato del loro abbigliamento da palco completamente nero. Per uno strano scherzo del destino, lo strano “per caso” divenne il loro motto. Da quel momento tutti gli spettacoli si sono svolti nel buio più totale.

Originariamente c’erano sei persone coinvolte ed erano tutte imparentate tra loro. Jimmy Caravano e suo fratello, anche lui attore, erano membri della famiglia Caravano, così come i loro cugini Ciro e Diego Caravano, Mario Crescenzo e Massimo de Divitiis. Nel 2015 Diego Caravano lascia il gruppo e viene sostituito da Daniele Blaquier.

Dopo aver portato a casa il premio per la categoria Nuove Proposte a Sanremo 1995, il gruppo italiano è salito alla ribalta. Per l’occasione hanno eseguito dal vivo la loro canzone “Le Ragazze”, che la ascolteremo la sera del 4 marzo, insieme alle musiche di Ghemon.

Hanno avuto una serie di successi internazionali oltre ai loro quasi 10 album in studio, singoli e premi. Sono ancora attivi e dedicati, ma non solo nel mondo dell’arte. Il gruppo stesso è spesso la componente più importante dei progetti comunitari. Già molte attività commerciali hanno risposto positivamente al nostro incoraggiamento a fissare gli orari di apertura e le promozioni speciali per le veglie il più in anticipo possibile.Lui è Gerardo Giuseppe Strippoli, presidente della Pro Loco Quadratum. La colazione a 2 euro e gli aperitivi “rinforzati” scontati fino al 30% potrebbero farvi risparmiare un sacco di soldi.

Nell’ultimo mezzo secolo abbiamo riconosciuto l’importanza di sostenere altre piccole imprese della zona effettuando i nostri acquisti da loro. Siamo certi che eventi estemporanei come “L’alba della piazza” con la comunità nera siano un modo fantastico per mantenere vive le “tradizioni” dando loro anche un tocco moderno. per promuovere le imprese locali e le attività della comunità.

Neri Per Caso Morto
Neri Per Caso Morto

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Rilevato blocco pubblicità!!!

Abbiamo rilevato che stai utilizzando estensioni per bloccare gli annunci. Sostienici disabilitando il blocco degli annunci.

error: Il contenuto è protetto !!